• sabato , 16 gennaio 2021

Guida alla scelta per l’illuminazione per gli interni

L’illuminazione fa parte dell’arredamento della casa. Per questo motivo è importante porre una particolare attenzione nella scelta degli elementi per illuminazione per gli interni. E non si tratta di una scelta facile poiché deve tenere presenti tutta una serie di fattori. Vediamo allora come scegliere l’illuminazione per gli interni.

Come scegliere l’illuminazione per interni

Sono sostanzialmente 3 i fattori da tenere presente nella scelta, ossia:

  • tipologie di illuminazione in base alle stanze
  • modelli di lampade in base alla tipologia di illuminazione che serve
  • stile degli elementi di illuminazione

 

 Come deve essere l’illuminazione per gli interni

Prima di capire cosa ci piace è importante capire di cosa abbiamo bisogno. Ed in tema di illuminazione occorre regolarsi tenendo in considerazione le diverse zone della casa, ognuna delle quali ha illuminazione internispecifiche esigenze. Ogni ambiente della nostra casa necessita di un particolare tipo di illuminazione.

  • Zona living: le case moderne hanno generalmente un unico ambiente che comprende soggiorno e cucina e che viene chiamato zona living. Si tratta solitamente di ambienti di dimensioni piuttosto ampi che hanno quindi bisogno di diversi tipi di illuminazione: zona pranzo, zona cottura, zona tv. Come fare per integrare tutto affinché nessun tipo di lampada stoni? Scegliendo sistemi di illuminazione che si integrano perfettamente, optando per punti luce a parete, lampade a terra, faretti, lampadari a sospensione sopra il tavolo da pranzo.
  • Sala da pranzo: la zona pranzo appena citata necessita di un’adeguata illuminazione. Si tratta di una zona dove è quasi obbligata la scelta verso un’ illuminazione diffusa, portata da una lampada a soffitto. Molto importante la considerazione delle distanze tra lampada e tavolo da pranzo che non devono mai essere inferiori ai 70 -90 centimetri.
  • Cucina: il cuore della casa, un luogo dove è importante coniugare funzionalità ed estetica. Molto di moda, soprattutto per le cucine moderne, i faretti orientabili, che offrono il vantaggio di avere il fascio di luce direzionabile che assicura l’adeguato apporto di luce proprio dove occorre.
  • Camera da letto: la stanza da letto deve essere all’insegna del relax, anche per quel che riguarda le luci. Quindi è una zona dove devono essere evitate le luci forti e preferite le luci soffuse e calde. Si tratta di una stanza che necessita comunque di un’adeguata illuminazione, soprattutto in alcune zone: zona armadi, e comodino. Oltre alla classica plafoniera da soffitto, si può integrare con luci al led nella zona armadi e lampada da comodino sono le scelte più diffuse ma si può optare anche per faretti da lettura.
  • Bagno: il bagno ha bisogno di un’illuminazione generale, e di un supplemento nella zona lavabo per la quale, ultimamente, sono molto in voga le lampade a led incassate nello specchio sopra il lavabo.

Tipologie di lampade da interni

Ora che abbiamo visto cosa occorre, vediamo come trovare i diversi elementi che possono illuminare adeguatamente la nostra casa. Sono talmente tante le tipologie di lampade da interno che destreggiarsi nella scelta non è certo facile. Meglio partire con le idee chiare, vediamo quindi quali sono le tipologie di lampade da interni.

Le lampade per interni possono essere cosi suddivise:

  • Lampade a parete: si tratta di lampade idonee per un’illuminazione diffusa di alcune specifiche aree: corridoi oppure per integrare altri elementi  illuminanti;
  • Lampade a sospensione: sono perfette per gli ambienti ampi: altamente decorative sono particolarmente adatte sopra i tavoli, sopra le isole, sopra le penisole;
  • Plafoniere: hanno il vantaggio di essere poco ingombranti e compatte e rappresentano la scelta ideale per l’illuminazione di stanze con soffitti bassi o spazi ridotti. Sono perfette come illuminazione generale in quanto creano una luce diffusa e potente, che varia anche in  base alla potenza del LED integrato o al numero di lampadine che possono montare. Sono inoltre sono facili pulire;
  • Lampade da terra: si tratta di importanti alleate delle zone living in particolare della zona divano, arredano e fanno luce al bisogno;
  • Lampade per bagno: se serve una luce diffusa per tutta la stanza o una luce direzionale per lo specchio, è bene evidenziare che le lampade per il bagno devono soddisfare determinati requisiti di sicurezza come l’ indice di protezione IP e la classe di resistenza.
  • Lampade da tavolo: possono essere impiegate sia come complemento d’arredo che come corpo illuminante e sono perfette sia per la zona living che per la zona notte;
  • Lampade da incasso: si tratta di una tipologia di illuminazione largamente usata sia nelle zone di servizio come corridoi, scale etc. sia integrazione di  illuminazione della zona living o della cucina. Rientrano in questa  categoria anche i faretti regolabili, particolarmente sfruttati   in cucina, dove c’è necessità di un tipo di illuminazione direzionata soprattutto in alcune zone;
  • Strisce a LED: questo genere di illuminazione è perfetta come illuminazione complementare sia nella zona giorno che nella zona notte, dove è necessario avere una luce più intensa. Grazie alle luci LED si può creare un’illuminazione decorativa in alcuni punti o di illuminare tutta una stanza. Inoltre permettono un notevole risparmio sui consumi elettrici e durano a lungo.

Illuminazione interni: le tendenze

Una volta appurato che tipo di illuminazione serve per ogni stanza e che tipo di lampada è più idonea alla funzione, ecco che si può passare alla scelta della lampada stessa anche seguendo quelle che sono le ultime tendenze. Esattamente come succede per l’arredamento, anche l’illuminazione per interni varia in base alle tendenze. Forme pulite ed essenziali sono indubbiamente le tendenze più in voga, ma la scelta deve essere fatta anche seguendo lo stile del nostro ambiente (minimal, classico, rétro, contemporaneo, urban).

Placche

Le Placche rivestono grande importanza nello stile dell’illuminazione, ne fanno parte integrante. Oggi sul mercato sono presenti  prese ed interruttori di design che vantano forme,  colori,  e modelli diversi atti a soddisfare tutte le esigenze, come quelli di Vimar Arke. Si può scegliere tra interruttori luce filo muro, a scomparsa e touch. Si può scegliere un colore in tinta con le pareti, con l’arredamento, oppure a contrasto.

Concludendo, la corretta scelta dell’illuminazione per interni è fondamentale per il comfort, per l’atmosfera, per la funzionalità.

Related Posts