• sabato , 16 gennaio 2021

Perché usare delle toppe personalizzate?

Personalizzare i vestiti con le toppe personalizzate  è ormai una vera e propria moda. Sono lontani i tempi in cui le nostre nonne ci rammendavano i pantaloni strappati con le toppe ricavate da altri pantaloni inutilizzati. A quei tempi il ruolo delle toppe era limitato a toppe personalizzate 2riparare o rinforzare capi usurati o strappati.

La toppa era il simbolo di povertà: non ci si poteva permettere un abito nuovo e si rattoppava il vecchio. Oggi il significato e l’uso delle toppe è completamente ribaltato.

Oggi le toppe non servono solo a coprire macchie o a riparare danni ma rappresentano un ottimo modo per personalizzare il proprio look. La toppa personalizzata è il must del momento, si tratta di un dettaglio di stoffa sfizioso che si può attaccare a qualsiasi capo, dalle giacche alle scarpe. Ce ne sono di tantissimi i tipi, che spaziano dallo stile bucolico dei fiorellini a quello pop con scritte  e disegni cartoon.

La personalizzazione consente di avere la toppa esattamente come si desidera. Con la toppa personalizzata i vostri capi saranno unici, vi contraddistingueranno e vi caratterizzeranno. Andiamo a conoscerle da vicino

Cosa sono le toppe personalizzate

Le toppe o pacht personalizzate sono toppe realizzate secondo le specifiche richieste del cliente. Possono essere pach ricamate, oppure toppe stampate con tecnologie all’avanguardia. Ci sono diverse tecnologie di ultima generazione atte a creare delle toppe personalizzate, una di queste  è la stampa- ricamo che rappresenta l’incontro tra la  tradizione e le esigenze dei trend contemporanei, si tratta di  un perfetto binomio che racchiude l’esperienza dell’artigianato tessile con le  tendenze che sono in continua evoluzione.

Utilizzando la tecnica tessile della punciatura è possibile inoltre convertire per  immagini digitali, vettoriali o qualsiasi tipo di disegno in punti ricamo, per creare una toppa personalizzata che rifletta fedelmente i propri desideri. Ma le toppe personalizzate possono essere richieste e realizzate anche tramite stampa. Le possibilità per personalizzare la propria toppa sono quindi innumerevoli.

La personalizzazione consente di ottenere una toppa personalizzata creata ad hoc in base alle proprie esigenze. Si può chiedere di avere una toppa con uno specifico logo, con il proprio nome, con un ricamo particolare, con un disegno specifico. Le possibilità sono pressoché infinite. Attraverso la personalizzazione delle toppe è possibile fissare su fibra tessile e quindi su un proprio capo di abbigliamento immagini, messaggi, simboli, nomi, idee, concetti, qualsiasi cosa si desideri.

Tipologie di toppe personalizzate

Le toppe  ricamate solitamente sono spesse, rigide e su un lato hanno una specie di colla plastica. Possono essere usate per coprire la stoffa strappata e scolorita oppure semplicemente per decorare ed impreziosire un abito.

Le toppe di carta trasferibile sono stampate su un lato di una carta speciale, sono caratterizzate da un lato di carta non-lucida. Non sono in grado di tenere insieme la stoffa strappata, e generalmente la stoffa al di sotto si vedrà in trasparenza, se non sono applicate su qualcosa di bianco.

Le toppe che hanno un semplice retro di stoffa possono essere applicate utilizzando  della tela fusibile. Le toppe realizzate per coprire i buchi o le macchie e che sono disegnate per confondersi con la stoffa spesso hanno un retro di carta che va tolto prima di applicare la toppa.

Perché usare le toppe personalizzate

Sono tanti e diversi i motivi per i quali si possono usare le toppe personalizzate, vediamo i principali: le toppe personalizzate possono essere impiegate per diversi usi ed in diversi settori: sul lavoro per contraddistinguere un’attività con un logo o un’immagine specifica.

  • per le divise sportive
  • per le divise scolastiche personalizzando, grembiule con il proprio nome
  • per personalizzare i capi di abbigliamento, rendendoli unici ed inimitabili.

Le toppe personalizzate possono essere applicate a qualsiasi indumento o divisa, ed è possibile creare una linea esclusiva per la propria squadra sportiva o per il personale della propria azienda o, semplicemente, per personalizzare il proprio abbigliamento.

Usare le toppe personalizzate per la semplicità di utilizzo

Tra i motivi per i quali è bene orientarsi per le toppe personalizzate c’è anche la semplicità di utilizzo. E’ sufficiente appoggiare toppe personalizzate nel punto in cui si vorrebbe attaccarla. Se si decide di applicarne solo una, si sceglie  una posizione ben visibile, altrimenti, se si desidera applicarne  più di una, occorre  prendere le giuste misure prima di procedere. Sono tanti e diversi i modi per applicare la toppa personalizzata: si può cucire, incollare, applicare con il ferro da stiro.

Usare le toppe personalizzate per la possibilità di applicarla ovunque

Le toppe personalizzate sono perfette per personalizzare un capo basic: vestito,  camicia o una maglietta arricchendola con un dettaglio che la renderà unica.  E’ anche possibile sbizzarrirsi e applicare toppe ovunque, anche sovrapponendole.  Le toppe personalizzate possono impreziosire il giubbotto di jeans che si presta benissimo ad essere decorato con toppe personalizzate coloratissime. Anche le giacche di pelle possono essere personalizzate

Le toppe personalizzate possono essere applicate su pantaloni ed accessori, si può mettete la propria “firma” su jeans e leggings, per andare contro l’antipatica omologazione del fast fashion. La personalizzazione con le toppe è in grado di  regalare il lusso di avere capi unici, senza spendere molto.

Le toppe personalizzate possono ricoprire borse e scarpe di tela rendendole uniche Sono quindi tanti e diversi i motivi per i quali utilizzare le toppe personalizzate che oggi sono un vero e proprio modo per manifestare la propria creatività per personalizzare il proprio guardaroba, per distinguervi dagli altri.

Il detto “ci ho messo una toppa” seppur sempre valido alla luce di quello che sono le toppe oggi,  assume un significato totalmente diverso: il detto “ci ho messo una toppa” non è più una sorta di magra consolazione (quasi rassegnazione) per aver risolto in maniera un po’ raffazzonata e provvisoria una questione, ma piuttosto rappresenta il vanto di aver impreziosito e reso unico un qualcosa che prima era anonimo.

Related Posts