• giovedì , 18 Agosto 2022

Trading online: consigli per scegliere la migliore piattaforma

Se stai pensando di iniziare a praticare trading online (TOL), la prima cosa di cui avrai bisogno è un intermediario, ovvero un broker che offre al trader una piattaforma operativa tramite cui svolgere l’attività di TOL.

Una piattaforma di trading consiste, dunque, in un software grazie al quale è possibile accedere al mercato online ed effettuare le diverse operazioni di TOL.

Nel mondo del web sono disponibili migliaia di opzioni, e scegliere la piattaforma giusta, specie quando si è alle prime armi, può risultare complicato e macchinoso.

In questo articolo vedremo alcuni consigli utili per orientarsi al meglio verso una scelta più consapevole e semplice.

Un aspetto assolutamente necessario da valutare prima di affidarci ad un broker virtuale e ad annessa piattaforma, riguarda la regolamentazione.

È bene infatti accertarsi, per la propria sicurezza, che la piattaforma sia autorizzata dalla legge a svolgere il servizio per il quale si propone. In Italia l’ente che se ne occupa è la Consob.

Un altro fattore molto importante, è legato alla fruibilità della piattaforma e naturalmente a tutti i servizi ad essa associati.

Quali caratteristiche deve avere una buona piattaforma di trading?

Oltre ai due aspetti sopracitati, nella scelta di una buona piattaforma su cui praticare trading, bisogna tenere in considerazione una moltitudine di fattori più specifici.

Il punto necessario da cui partire è rappresentato dalle nostre esigenze personali, come ad esempio l’asset sul quale si vuole investire o ad ogni modo il proprio campo di interesse. Vi sono infatti piattaforme specializzate in trading forex on line, piattaforme che invece permettono di praticare trading in borsa, ed altre ancora che sono specializzate nelle opzioni binarie e criptovalute.

Per evitare quindi di cadere in errore, è importante innanzitutto avere le idee chiare sul tipo di asset e di prodotti su cui si vuole investire.  Una volta determinato questo, bisogna guardare agli aspetti più pratici.

Una buona piattaforma deve essere infatti intuitiva, comoda da usare, con funzioni chiare e precise. Un suggerimento è quello di controllare sempre se oltre alle funzioni di base siano presenti ed incluse anche le funzioni aggiuntive.

Esistono infatti delle opzioni extra che non sono necessarie ma che fanno la differenza. Ad esempio, alcune piattaforme consentono di impostare Stop Loss e Take Profit su tutte le operazioni.  Con la funzione di stop loss è possibile stabilire un tetto di perdite massimo che si è disposti a sostenere sulle singole operazioni. Mentre grazie al Take profit si può indicare il livello di raggiungimento per il quale può automaticamente chiudersi l’operazione.

Per i trader inesperti, può essere un dettaglio non trascurabile anche l’opportunità di avere a disposizione un conto demo. In questo modo è possibile fare pratica e capire le dinamiche del mercato online senza rischiare di perdere i propri soldi, e solo successivamente investire seriamente.

Se invece non si è alle prime armi il conto demo non è un requisito così importante di cui tener conto nella scelta della piattaforma su cui si vuole operare.

Com’è facile intuire, bastano in realtà pochi ma attenti accorgimenti per semplificare un passaggio in apparenza complesso.

Related Posts